15/09/2022
    Elezioni 2022. Quali sono i candidati vicini al mondo venatorio?
    Il 25 settembre i cittadini sono chiamati alle urne per eleggere il Parlamento, dal quale scaturirà un nuovo Esecutivo a guidare il Paese. Quali sono i candidati e i partiti politici che hanno espresso la volontà di impegnarsi al fianco del mondo venatorio?

    È ormai imminente l’appuntamento elettorale che porterà gli italiani nuovamente al voto per eleggere i nuovi rappresentanti che siederanno in Parlamento e, di conseguenza, il nuovo Governo che andrà alla guida del Paese.
    Anche questa volta, come già nelle precedenti occasioni elettorali, le Associazioni Venatorie riconosciute riunite nella Cabina di regia venatoria (Federcaccia, Enalcaccia, Liberacaccia, AnuuMigratoristi e Italcaccia) assieme al CNCN Comitato Nazionale Caccia e Natura hanno elaborato e presentato un Manifesto a difesa dell’attività venatoria e della cultura rurale.
    Molti candidati a titolo personale o del proprio schieramento non hanno avuto difficoltà a sottoscriverlo o a condividerne i contenuti nelle loro dichiarazioni e programmi.
    Fra le adesioni, per così dire “collettive”, vantiamo quelle del Partito Democratico, Lega e Forza Italia, pervenute rispettivamente dall’onorevole Chiara Braga, responsabile nazionale PD della Transizione ecologica; Francesco Bruzzone, responsabile Dipartimento fauna selvatica e caccia della Lega e Raffaele Neri, responsabile nazionale dipartimento agricoltura di Forza Italia. Anche Gaetano Quagliariello, coordinatore nazionale di ‘Italia al Centro’, partito che concorre alle prossime elezioni politiche nella lista ‘Noi moderati’, ha sottoscritto il Manifesto.
    Non hanno sottoscritto ancora il manifesto ma hanno manifestato nettamente la loro posizione favorevole a titolo personale e di partito l’onorevole Francesco Lollobrigida, capogruppo di Fratelli d’Italia alla Camera dei Deputati.
    Posizione nettamente avversa all’attività venatoria, dichiarandone espressamente la volontà di giungere a una sua chiusura è stata espressa da: Movimento 5stelle (anche con video espliciti del suo Presidente Conte); Alleanza Verdi e Sinistra; Unione Popolare e Italexit.
    Azione-Italia Viva, nel loro programma, parlano di gestione efficiente della fauna selvatica.
    Non sembra invece parlare di caccia il programma di +Europa di Emma Bonino, ma certamente non è vicina alle posizioni del nostro mondo e nel suo programma apre a numerose posizioni animaliste.
    Di seguito i nomi dei candidati che hanno aderito al manifesto della cabina di regia e i relativi collegi.

    allegati   elezioni 2022 - lista definitiva adesioni manifesto cabina di regia venatoria.pdf
    NEWS
    La Cabina di regia del mondo venatorio scrive ai partiti
    29/08/2022
    La Cabina di regia unitaria ha inviato un manifesto e una lettera di adesione a tutti i candidati alle prossime elezioni politiche, per chiedere la disponibilità a intraprendere un confronto sui temi della conservazione e della biodiversità
    Le associazioni venatorie riconosciute (Federcaccia, Libera caccia, Enalcaccia, AnuuMigratoristi, ...
    CNCN E COLDIRETTI: L’ALLEANZA PER AGRIVENATORIA BIODIVERSITALIA NASCE PER SALVARE CITTÀ E CAMPAGNE
    Nasce oggi l’associazione AB - Agrivenatoria Biodiversitalia, che, riunendo numerose aziende ...
    Il nostro appello per il futuro della caccia in Italia
    Vi scrivo, in qualità di presidente del Comitato Nazionale Caccia e Natura, spinto da un ...
    NASCE SHOOTING POST IL BLOG DEL TIRO A VOLO RACCONTATO DAI PROTAGONISTI
    12/07/2021
    ANPAM, CNCN e FITAV lanciano un nuovo prodotto di comunicazione ricco di contenuti inediti per approfondire il tiro a volo a 360° dalla viva voce dei professionisti del settore
    Frutto di un lungo lavoro di sinergia fra ANPAM, CNCN e FITAV e grazie al contributo degli esperti ...
    14/06/2021
    L’Assemblea del Comitato Nazionale Caccia e Natura ha nominato il 67enne già Presidente di Fondazione UNA al suo vertice per i prossimi 2 anni
    05/12/2020
    Le Associazioni venatorie riconosciute e il CNCN, a seguito della positiva ordinanza del Presidente Giani per lo svolgimento dell’attività venatoria nell’ATC di residenza, si rivolgono ai Governatori di Lombardia, Calabria, Campania, Basilicata, Piemonte e Valle d’Aosta per chiedere urgentemente l’adozione di provvedimenti similari.
    04/12/2020
    Le Associazioni venatorie riconosciute e il CNCN si rivolgono ai Senatori della Commissione Giustizia del Senato per chiedere una revisione dei disegni di legge in discussione, con l’eliminazione di tutte le norme presenti contro l’attività venatoria
    11/09/2020
    Raccolte in un comodo e semplice opuscolo le buone pratiche e le attenzioni da porre in atto per tutelare se stessi e gli altri in tempi di epidemia. Dalle Associazioni riunite nella Cabina di regia del mondo venatorio l’impegno per la sicurezza dei cacciatori e dei cittadini
    24/08/2020
    Dalla Cabina di regia l’invito a tutti i cacciatori di tornare a frequentare i campi di tiro e le armerie per prepararsi nel migliore dei modi alla nuova stagione di caccia
    03/07/2020
    Organizzato da IEACS, AFEMS, FACE e SAAMI in collaborazione con il WFSA il primo di una serie di webinar sulla proposta di restrizione nell’utilizzo delle munizioni di piombo nelle zone umide.
    26/06/2020
    La Cabina di Regia del Mondo Venatorio interviene sul coinvolgimento delle associazioni animaliste agli Stati Generali di Villa Pamphili. Rinnovata la richiesta di confronto al presidente del consiglio Giuseppe Conte
    06/05/2020
    Le associazioni venatorie riconosciute e il CNCN chiedono attenzione alle Istituzioni sui danni alle coltivazioni da parte della fauna selvatica e auspicano un potenziamento delle sinergie con il mondo agricolo in tema di contenimento faunistico e gestione del territorio.
    29/04/2020
    Le associazioni venatorie riconosciute e il CNCN si rivolgono al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e alle Istituzioni per chiedere attenzione verso una parte importante del sistema economico-sociale del Paese
    07/04/2020
    In un momento in cui servirebbe unità e coesione, da chi è contrario alla caccia si cerca solo di indirizzare la società con informazioni volutamente non corrispondenti al vero
    condividi